Home

Per gli Autori

Per i Partecipanti

Sessione Demo

Invited Talk

Ciascuna delle due giornate del Workshop vedrà in apertura un invited talk...

Relatore: Domenico Talia (ICAR-CNR e Università della Calabria)

Data: 6 Luglio 2011 ore 9.00—10.00

Workshop

WOA 2011

Dodicesimo Workshop Nazionale "Dagli Oggetti agli Agenti"

Iscrizione

Luogo del Workshop

Come arrivare

Temi di Interesse

Istruzioni

Hotel

Date importanti

Workshop

Invited Talk

Programma

Mini Scuola

Note Bibliografiche sul relatore: Domenico Talia è direttore dell’Istituto ICAR-CNR e professore ordinario di ingegneria informatica presso l’Università della Calabria. Dal 1985 al 1996 è stato ricercatore al CRAI (Consorzio per Ricerca e le Applicazioni di Informatica) e dal 1997 al 2001, è stato ricercatore presso l’ISI-CNR.  I suoi interessi principali di ricerca includono il calcolo distribuito e parallelo, il Grid computing,  il data mining, il Cloud computing, i linguaggi di programmazione paralleli, il mobile computing, e i sistemi del Peer-to-peer. Talia è membro dell’editorial board delle seguenti riviste scientifiche internazionali: IEEE Transactions on Computers, Scalable Computing: Practice and Experience, Future Generation Computer Systems, MultiAgent and Grid Systems: An International Journal, International Journal on Web and Grid Services, International Journal of Next-Generation Computing e Web Intelligence and Agent Systems International Journal. Ha partecipato a numerosi progetti europei e nazionali ed è stato revisore per il MIUR e per numerosi organismi internazionali come la Commissione Europea, la Aeres in Francia, l’Austrian Science Fund e la Croucher Foundation. Inoltre, è membro dell’advisory board delle conferenze Euro-Par e membro dell’advisory committee della IEEE Task Force on Cluster Computing (TFCC). Ha pubblicato 5 volumi e oltre 250 pubblicazioni in riviste scientifiche internazionali, capitoli di libri e atti di conferenze. È  membro dell’ACM e della IEEE Computer Society.

Web site: http://si.deis.unical.it/~talia/

Sommario: I sistemi di Cloud computing forniscono infrastrutture di elaborazione ad alte prestazioni e servizi di storage di grandi dimensioni che hanno la proprietà di essere “elastici” e quindi di adattarsi alle esigenze di utenti e applicazioni. I sistemi Cloud sono utilizzati attraverso una interfaccia service oriented che implementa il paradigma “*-as-a-service” per offrire i servizi Cloud on demand. Oggi le piattaforme Cloud forniscono servizi e prestazioni elevate a basso costo a grandi quantità di utenti in molti settori applicativi. Il talk ha l’obiettivo di presentare lo stato dell’arte dei modelli e delle architetture di Cloud computing, di discutere il loro uso per applicazioni distribuite e parallele di grandi dimensioni e di analizzare analogie, differenze e possibili sinergie tra i sistemi di Cloud computing e i sistemi multi-agenti per la simulazione di sistemi complessi e per l’implementazione di sistemi intelligenti ad alte prestazioni. La convergenza di interessi tra i sistemi multi-agenti che necessitano di infrastrutture distribuite affidabili e i sistemi Cloud che necessitano di software intelligente con comportamento dinamico, flessibile e autonomo potrebbe portare allo sviluppo di nuovi sistemi e nuove applicazioni. Per queste ragioni nel talk sono discusse le sfide e le opportunità di usi coordinati e integrati di sistemi di Cloud computing e di sistemi multi-agenti.

Relatore: Andrea Schaerf (DIEGM, Università di Udine)

Data: 5 Luglio 2011 ore 9.00—10.00

Note Bibliografiche sul relatore: Andrea Schaerf si è laureato con lode in Ingegneria Elettronica nel 1990 ed ha ricevuto il titolo di Dottore di Ricerca in Informatica all'Università di Roma "La Sapienza" nel 1994, avendo come tutore il Prof. Maurizio Lenzerini. Durante il dottorato, ha trascorso un anno alla Stanford University (California, U.S.A.) sotto la supervisione del prof. Yoav Shoham. Dopo il dottorato, ha trascorso un anno come post-doc al CWI di Amsterdam (Paesi Bassi) sotto la supervisione del prof. Krzysztof Apt. Dal 1996 al 1998 è stato Ricercatore all'Università di Roma "La Sapienza". Nel 1998 è diventato Professore Associato all'università di Udine, dove dal 2005 è Professore Ordinario. Le sue aree di ricerca principali riguardano gli algoritmi, i linguaggi di specifica e gli strumenti software per la soluzione di problemi di schedulazione e pianificazione in ambito industriale. 

Web site: http://www.diegm.uniud.it/schaerf

Sommario: I problemi di ottimizzazione, quali assegnazione risorse o schedulazione, si presentano in moltissime realtà industriali. In numerosi casi, i problemi coinvolgono più unità o dipartimenti che possono avere obiettivi e vincoli diversi, ma sono interessati a cooperare per ottenere una soluzione condivisa. In aggiunta, è frequente che esistano problemi di privatezza di informazione tra le diverse unità. In questi casi, può essere utile ricorrere ad una architettura in cui ciascuna unità è dotata di un sistema software ad agenti capace di risolvere problemi di ottimizzazione complessi, ma anche di dialogare e negoziare con le altre unità per il raggiungimento di obiettivi comuni o per l'identificazione di possibile azioni che portino vantaggi per più unità. In questa presentazione verranno passati in rassegna vari scenari e varie proposte di soluzione per i problemi di questo tipo.

Comitati

Note Bibliografiche sul relatore: Roberto Serra, laureato in fisica, ha svolto attività di ricerca nel gruppo Eni e in seguito nel gruppo Montedison, di cui ha diretto fino al 2003 il Centro Ricerche Ambientali. Dal 2004 è professore ordinario di ingegneria informatica all’ Università di Modena e Reggio Emilia.

I suoi interessi di ricerca riguardano i sistemi complessi, con particolare attenzione ai sistemi biologici e sociali, e l’approccio dinamico all’Intelligenza Artificiale. Ha scritto circa 130 lavori pubblicati su riviste e atti di convegni, ed è co-autore di quattro libri. E’ stato responsabile di diversi progetti di ricerca finanziati da aziende, dal MIUR, dal CNR e dalla UE. E' stato membro del comitato di programma di diversi congressi internazionali, e relatore invitato a convegni e panel.

Recentemente ha presieduto due importanti congressi internazionali, uno sulla Vita Artificiale (Venezia, settembre 2008) e uno sull’Intelligenza Artificiale (Reggio Emilia, dicembre 2009).

Roberto Serra è stato inoltre presidente della AI*IA (Associazione Italiana per l’ Intelligenza Artificiale) ed è attualmente presidente dello Science Board dell’ European Centre for Living Technologies.

Sommario: It is nowadays generally acknowledged that the static information embedded in DNA sequences is not sufficient to understand biological complexity, and that a major challenge is that of understanding the mechanisms whereby gene expression is regulated. In this respect it is interesting to observe that an old model, that of Random Boolean Networks  (RBNs for short) which is more than 40 years old, has recently proven able to describe experimental data made available by DNA microarray techniques. The studies related to the perturbations due to gene knock-out will be reviewed, showing that they not only indicate the effectiveness of RBNs in simulating the phenomena, but that they also allow one to address a very important conceptual issue, namely that of understanding whether real cells are found in a critical state (the "edge of chaos"). In the second part of the talk it will be shown how a modification of RBNs, namely noisy random Boolean networks, allows one to describe  in a unified framework the phenomena involved in cell differentiation, i.e. the process whereby stem cells, which can develop into different types, become progressively more specialized. In this work cell differentiation is described as an emergent property of a generic model of the underlying gene regulatory network, without the need to introduce ad hoc assumptions concerning the role of particular genes or of particular genetic circuits. The model helps in identifying special groups of attractors, whose composition determines the differentiation level of the system, and points to a peculiar role of cellular noise in differentiation, leading to non trivial predictions which could be subject to experimental testing.

Relatore: Roberto Serra (ECLT—Venezia  e  Università di Modena)

Data: 5 Luglio 2011  ore: 14.00—15.00